<

Abraham-Louis Breguet

Abraham-Louis Breguet Abraham-Louis Breguet
Il fondatore
Punto di riferimento assoluto in tema di Alta Orologeria, la marca Breguet appartiene al patrimonio culturale europeo. La sua è una posizione unica, frutto delle capacità creative del suo fondatore, Abraham-Louis Breguet ( 1747-1823 ), e degli odierni maestri orologiai.

Nato a Neuchâtel, in Svizzera, Breguet trascorre a Parigi gran parte di una esistenza scandita da invenzioni tanto varie quanto importanti. La sua carriera, che investe progressivamente tutte le specializzazioni dell’orologeria, inizia con una serie di imprese
eccezionali. Perfeziona l’orologio automatico detto “perpetuo”. Introduce la molla sonora negli orologi a ripetizione. Inventa il “paracadute”, il primo dispositivo antiurto della storia.

Apprezzati dal re Luigi XVI e dalla regina Maria Antonietta, gli orologi di Breguet racchiudono movimenti originali e scappamenti ad àncora o a cilindro che vengono continuamente perfezionati. 

Nel momento più critico della rivoluzione francese Abraham-Louis Breguet si rifugia in Svizzera. Il suo ritorno a Parigi è accompagnato da una nuova serie di invenzioni, tra le quali spiccano la spirale Breguet, la prima pendulette da viaggio ( venduta a Bonaparte ), la “pendola simpatica”, l’orologio a tatto e infine il tourbillon, brevettato nel 1801.

Breguet è ormai noto e stimato in tutte le corti d’Europa. Diventa l’orologiaio di fiducia di diplomatici di rango, di scienziati, di uomini d’arme e della finanza. Fabbrica esemplari speciali per i suoi migliori clienti. Per la regina di Napoli, Carolina Murat, crea nel 1810 il primo orologio da polso storicamente documentato. Colmato di onori, è nominato membro del Bureau des Longitudes e Orologiaio della Marina Reale francese. È accolto nell’Accademia delle Scienze e riceve la Legion d’Onore dalle mani del re Luigi XVIII.

Muore nel 1823, quando tutti lo considerano ormai da tempo l’uomo che, con la sua genialità, ha rivoluzionato ogni aspetto dell’orologeria.

La vitalità di una marca si misura, oggi più che mai, dalla sua capacità di innovare. La creatività e l’ingegnosità di Breguet non declinano ma anzi crescono con il passare del tempo. Dal 1999, per l’impulso dato da Nicolas G. Hayek e sotto l’attuale direzione di Marc A. Hayek, i brevetti depositati sono ancora più numerosi delle invenzioni dovute al fondatore della marca.

 

Back to top