<

Cronologia

1798 - Napoleone Bonaparte

Napoleone Bonaparte

Napoleone Bonaparte fu uno dei clienti più fedeli di A.-L. Breguet e il suo interesse per l’arte della misurazione del tempo influenzò molti dei suoi conoscenti più stretti e diversi membri della sua famiglia.
Con ogni probabilità, il Generale Bonaparte venne a conoscenza dell’atelier di Quai de l’Horloge attraverso alcuni clienti fissi di Breguet, come il Generale Leclerc e i compagni d’armi Berthier e Dessolle.
Nell’aprile del 1798, un mese prima di imbarcarsi per la campagna d’Egitto, il generale Bonaparte acquistò dal maestro orologiaio tre esemplari particolarmente rappresentativi della sua produzione: l’orologio con ripetizione n. 38, definito “segnatempo con scappamento isolato”, la pendola da viaggio n. 178 con calendario e ripetizione, primo modello di questo genere, e l’orologio perpetuo a ripetizione n. 216. L’acquisto perseguiva un duplice scopo: da un lato, Napoleone, nel pieno della sua ascesa sociale e politica, cercava di possedere oggetti raffinati, destinati a divenire un simbolo di potere e della sua nuova posizione sociale; dall’altro, per ragioni puramente pratiche, il generale aveva bisogno di orologi solidi e affidabili da portare nella spedizione che lo attendeva.

X
+
-