<

Spirale Breguet

1795 - Spirale Breguet

La spirale segna il ritmo e assicura la costanza di marcia. È la chiave della precisione dei segnatempo.

1795, INVENZIONE DELLA SPIRALE BREGUET

La spirale è una piccola molla che regola le oscillazioni del bilanciere grazie alla sua elasticità. L'estremità interna della spirale è fissata all'asse e l'estremità esterna  al ponte del bilanciere. La spirale piatta, inventata dal matematico olandese Huygens nel 1675, raggiungeva un livello di isocronismo che lasciava ancora a desiderare. La spirale piatta era in rame o ferro e contava solo poche spire. Era certo da perfezionare, ma permetteva di ottenere un bilanciere preciso quanto il pendolo di un orologio.

Nel 1795, Abraham-Louis Breguet risolve il problema sollevando l’ultima spira e diminuendo la sua incurvatura in modo da garantire lo sviluppo concentrico della spirale.

Dotata della "curva Breguet", la spirale è ormai sviluppata in forma concentrica. I segnatempo erano diventati più precisi, e l’asse del bilanciere si usurava meno velocemente. Breguet appronta inoltre una vite a compensazione bimetallica per equilibrare le escursioni di temperatura sulla spirale.

La spirale Breguet viene adottata da tutti gli orologiai più famosi, che ancora oggi si affidano a questa invenzione per garantire la massima precisione. Tra il 1880 e il 1910, molte manifatture iniziano a incidere la scritta "Spiral Breguet" a grandi lettere sulla cuvette dei segnatempo.

SPIRALE IN SILICIO E SPIRALE BREGUET IN SILICIO

Nel 2006, Breguet introduce il primo orologio da polso con spirale e scappamento in silicio. Esso combinava i vantaggi e la qualità dei suoi primi esperimenti. Il silicio promette, da parte sua, grandi benefici.

Esso è completamente insensibile ai campi magnetici, è più leggero del metallo ma meno propenso alla deformazione causata dalla forza impressa dalla gravità. Il silicio, inoltre, è di gran lunga più resistente alla corrosione e meno sensibile agli urti. Si aggiunga che i componenti lavorati in silicio sono soggetti a un procedimento particolare che migliora di molto la resistenza all’uso quotidiano e agli urti.

Dopo diversi anni di utilizzo in vari movimenti, Breguet ha potuto finalmente apprezzare risultati soddisfacenti della spirale piatta in silicio. Successivamente, è stato necessario sviluppare una spirale in silicio che prevedesse anche la famosa curva terminale inventata da Breguet.

Era una vera novità nel mondo dell’orologeria quella di inserire una curva in un frammento di silicio. Utilizzare il silicio, materiale privo della malleabilità tipica di altri metalli, per formare una curva che risalisse la spirale richiedeva una riprogettazione radicale del procedimento di produzione, una sfida tecnica brillantemente risolta dai tecnici Breguet.

 

DOPPIA SPIRALE BREGUET IN SILICIO

Lo spirito innovativo della Maison Breguet ha contribuito con numerose invenzioni al miglioramento della misurazione del tempo.

Il Classique Chronométrie, per esempio, è dotato di spirale doppia a 180° a sviluppo simmetrico che permette di equilibrare le rispettive forze sull’asse, contribuendo così alla stabilità dell’oscillatore e a una migliore precisione.

Conquiste tecniche rese possibili dal silicio che hanno grandemente migliorato la capacità di regolazione dell’orologio, equivalente a 830 microwatt, un risultato decisamente interessante se si considera che la capacità di regolazione dei migliori cronometri si aggira intorno ai 300-400 microwatt.

Modelli con quest'invenzione

X
+
-
X
+
-
Back to top
Cliccare su ogni pulsante per attivare o disattivare la tipologia di cookie corrispondente. Il pulsante colorato indica che i cookie corrispondenti sono stati attivati (blu) o disattivati (grigio).
I cookie garantiscono all’utente un’esperienza ottimale del sito. Continuando a navigare su questo sito, si accetta l’utilizzo dei cookie. È possibile modificare le impostazioni per attivare o disattivare le varie categorie di cookie. Per maggiori informazioni, si prega di consultare l’Informativa su Cookie.