<

Cronologia

1795 - Spirale Breguet

Spirale Breguet

Prima descrizione della pendola simpatica in una lettera indirizzata al figlio.
Perfezionamento del calendario perpetuo, della spirale Breguet e del cilindro di rubino.

Una piccola molla che regola le oscillazioni del bilanciere grazie alla sua elasticità. L’estremità interna della spirale è fissata all’asse e l’estremità esterna al ponte del bilanciere. La spirale piatta, inventata dal matematico olandese Huygens nel 1675, raggiungeva un livello di isocronismo che lasciava ancora a desiderare. Breguet cerca di risolvere questo problema e vi riesce nel 1795 disegnando l’estremità esterna della spirale rivolta verso il centro, in base a una curva calcolata con precisione. Dotata della “curva terminale Breguet”, la spirale si sviluppa così in forma concentrica. I segnatempo diventano più precisi e l’asse del bilanciere si usura meno velocemente. Breguet appronta inoltre una vite a compensazione bimetallica per equilibrare le escursioni di temperatura sulla spirale.

La spirale Breguet viene adottata da tutti gli orologiai più famosi, che ancora oggi si affidano a questa invenzione per garantire la massima precisione. Tra il 1880 e il 1910 circa, molte manifatture iniziano a incidere la scritta “spiral Breguet” a grandi lettere sul fondello dei segnatempo per incrementarne la credibilità a livello commerciale. Al contrario, Breguet non ricorrerà mai a questo tipo di diciture. 

X
+
-