This where the flash should stand...

BASELWORLD 2011: gioielli Breguet e arte dell’esclusività

23/03/2011

Tradizionalmente associata all’arte orologiera, la creatività Breguet trova una perfetta espressione anche nell’universo della gioielleria. La bellezza dei segnatempo, legata spesso al loro aspetto esteriore, in particolare quando sono tempestati di gemme, nasce infatti dalle abili mani degli stessi designer, orafi, brunitori, incastonatori, lucidatori di pietre preziose… che da sempre creano i gioielli più raffinati. La storia del marchio e i mecenati che ne hanno favorito l’evoluzione, inoltre, sono perlopiù legati a illustri personaggi femminili.

Maria Antonietta e l’eccentrico mondo in cui questa regina di Francia trasformò la reggia di Versailles sono, ad esempio, inesauribile fonte di ispirazione per la Manifattura. Il Petit Trianon, luogo intimo dove la sovrana amava rifugiarsi per dimenticare gli sfarzi di corte, o Le Hameau de la Reine, il borgo che le è stato dedicato e dove era solita immergersi nella semplicità della natura e dei giardini, è diventato un simbolo di raffinatezza, voluttà e poesia. Questi luoghi incantati hanno ispirato molte delle creazioni Breguet, inclusa La Rose de la Reine, la parure che nella reinterpretazione di quest’anno ha acquistato un nuovo esclusivo tocco di freschezza.